fbpx
Quando ti prende la scimmia per il prepping, c'è Portale Sopravvivenza!

10 termini che ogni prepper deve conoscere

Gli americani sono sempre molto tecnici e creano acronimi e sigle un po’ per ogni cosa. E’ vero che un acronimo fa figo e non impegna, tuttavia spesso ci troviamo a leggere e ascoltare sillabe e pronunce improbabili di cui ignoriamo completamente il significato. Proprio per questo, andiamo a fare un po’ di chiarezza e a spiegare il significato dei 10 Termini che ogni Prepper deve conoscere, per potersi definire tale! O quanto meno, per non avere lo sguardo inebetito quando li sente nominare.

Guarda il video “I 10 termini che ogni prepper deve conoscere

10 termini che ogni prepper deve conoscere

#1 To Bug In

è una strategia di “difesa” per la quale, quando si manifesta un evento critico, prontamente si sceglie di barricarsi in casa sino al cessato allarme. E’ una strategia che, per ovvie ragioni, prevede anche una preparazione dell’abitazione per resistere in autonomia diversi giorni.

#2 To Bug Out

diametralmente opposta alla strategia di buggin’ in, in questa fattispecie si sceglie di abbandonare la propria abitazione (o safe zone) per dirigersi verso un’altra località. Seppur molti prepper prendono in seria considerazione questa eventualità, il rischio più grande è quello di fare il “profugo” credendo che abbandonare la propria abitazione sia la scelta migliore. Il buggin’ out deve essere l’extrema ratio in caso di emergenza.

#3 SHTF

“When the SHIT HIT THE FAN” – Sicuramente è un termine colorito che evoca perfettamente la situazione. E’ un termine “calderone” ovvero che serve a definire qualsiasi situazione emergenziale e/o di pericolo.

#4 WROL

“WITHOUT RULE OR LAW” – Questo termine indica nella fattispecie, la mancanza di regole e/o leggi. Situazioni del genere si verificano abitualmente in seguito a catastrofi naturali di un certo rilievo. Lo sciacallaggio è il classico esempio che si porta per definire una situazione WROL.

#5 TEOTWAWKI

“THE END OF THE WORLD AS WE KNOW IT” – La fine del mondo per come lo conosciamo. Negli ultimi anni, molte persone hanno associato a questo termine l’apocalisse, la fine del mondo e altre situazioni estreme. Se però vogliamo arrivare al nocciolo di questo termine, possiamo spiegarlo come una situazione che cambia radicalmente il nostro approccio alla vita quotidiana. Non necessariamente dev’essere un evento catastrofico, ma può essere un cambiamento strutturale nel contesto socio-economico che ci porta ad agire e reagire in maniera completamente differente dal nostro abituale comportamento.

#6 BOB

“BUG OUT BAG”, anche detto lo zaino “prendi e scappa”. C’è quasi una sorta di dottrina, di decalogo da rispettare quando si assembla di BOB. In realtà non ci sono regole fisse. Ci sono dei principi da rispettare poiché questo oggetto assolve ad un bisogno specifico: soddisfare i bisogni primari nelle prime ore (di solito 72) dall’evento critico.

Leggi l’articolo Come fare una Bug Out Bag

#7 BOV

“BUG OUT VEHICLE” – la trasposizione della BOB che come contenitore non ha uno zaino, bensì un veicolo.

#8 BOL

“BUG OUT LOCATION” – Il nostro “rifugio” o luogo sicuro che abbiamo attrezzato per affrontare le emergenze. Contrariamente a quanto si pensa, non dev’essere un bunker, o una casa OFF THE GRID (fuori dalla griglia e quindi completamente indipendente e autosufficiente). Anche qui non ci sono regole, ma principi da rispettare. Ciascuno li soddisfa in maniera diversa, a seconda delle proprie esigenze economiche, del contesto nel quale si vive e al proprio stile di vita.

Leggi l’articolo Bug Out Location: il nostro luogo sicuro

#9 EDC

“EVERY DAY CARRY” – Tutto ciò che ci portiamo dietro nel nostro quotidiano. Ciascuno di noi ha un EDC, principalmente composto da cellulare, portafoglio e chiavi di casa. Il prepper ha espanso questo concetto prevedendo alcuni tools utili nella vita di tutti giorni: un multitool, una piccola torcia, una chiavetta USB con documenti importanti, ecc. Quello che tengo a precisare è che l’EDC non è un kit di sopravvivenza. Non assolve a quel compito e non deve assolverlo. L’EDC è leggero, poco ingombrante e soprattutto, dev’essere effettivamente utile nella quotidianità.

#10 Survival Kit

Benvenuti nel fantastico e immenso mondo dei kit di sopravvivenza. In questa sede, non serve che stia a spendere ulteriori parole su questo argomento.

Total
3
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
esperimento prepper - che cos'hai in tasca

Esperimento prepper: che cos'hai in tasca?

Articolo successivo

Siamo tutti Supereroi (se non stressati)

Articoli correlati
Total
3
Share