fbpx
Quando ti prende la scimmia per il prepping, c'è Portale Sopravvivenza!

Cibo da Bug Out Bag: come e cosa scegliere

Quando si parla di bug out bag, il noto zaino prendi-e-scappa must del prepping, spesso il focus è direzionato sulla scelta dello zaino perfetto e sui kit e tool da inserire al suo interno. Oggi però vogliamo spostare l’attenzione sul cibo, una componente altrettanto essenziale!

Prima di iniziare ricordati che una BOB è solitamente creata per sopravvivere a 72h dopo l’uscita dalla propria abitazione, fino al raggiungimento della location che hai stabilito in precedenza.

(Vuoi ricevere questi articoli in anteprima direttamente sul tuo smartphone? Iscriviti al canale Telegram di Portale Sopravvivenza)

Cibo bug out bag: con quali criteri sceglierlo

Innanzitutto il cibo deve essere leggero perché avrai già diversi tool e kit da trasportare e non vuoi appesantirti ulteriormente durante il tragitto. Evita quindi scatolame vario e cibo in lattina dove il contenitore impatta sul peso complessivo del prodotto che vuoi consumare.

Il secondo criterio è l’energia che è in grado di trasferire al tuo fisico. Il carboidrato fornisce energia apportando sostanze che in abbinamento con le proteine e i grassi sono essenziali per il buon sviluppo e il mantenimento dell’organismo; Le proteine sono essenziali per mantenere la struttura dei muscoli.

Il terzo aspetto che devi considerare è l’uso di acqua che richiede il cibo che vuoi portare con te. Non è detto che ne troverai lungo il tragitto e quella che trasporti meglio conservarla per bere. Strettamente correlato a questo aspetto, il contenuto di sale: più ti disidratati, più avrai bisogno di bere.

Scegliere il tipo di cibo

Durante la scelta considera che l’assunzione giornaliera raccomandata per una donna è di 1950 calorie, per un uomo 2200-2400. Se stai creando una BOB per il tempo standard di 72h non caricarti di scorte superiori al 20-30% rispetto al tuo fabbisogno.

NB: puoi considerare queste scelte anche per la tua Get Home Bag, semplicemente scegliendo in misura minore i quantitativi ed evitando il cibo da cucinare.

#1 Mix energetico di frutta secca, cioccolato e semi

Scegli noci in primis, ma anche mix di frutta secca come quelle che si trovano spesso nei supermercati o nei negozi sportivi già imbustate. La frutta secca è ricca di vitamine e minerali essenziali, acidi grassi essenziali e hanno una discreta quantità di proteine.
Arachidi, mandorle, noccioline, pistacchi, uva passa, pezzi di cioccolato sono uno dei mix più energetici che puoi creare. Il cioccolato migliora anche l’umore che in situazioni di emergenza non guasta mai. L’uvetta contiene molti carboidrati e da sola potrebbe darti l’apporto che ti serve: una tazza contiene 500 calorie.

Si tratta comunque di cibo deperibile con scadenze differenti. Per esempio, le mandorle durano 12 mesi, mentre le noci 6. Dovrai quindi sostituire il sacchetto periodicamente. Quando effettui la sostituzione, considera anche se per il periodo successivo è il caso di mantenere il cioccolato all’interno o addirittura se non prevederlo proprio in nessun’altra forma, se non magari all’interno di barrette.

Non scegliere frutta secca salata, se non in piccolissima parte rispetto al totale: potrebbe aiutarti a sostituire il sale perso a causa della sudorazione aggiuntiva.

Inserisci tutto in una busta di plastica trasparente leggerissima come quelle di Cuki o dell’IKEA. Separatamente puoi creare una piccola busta di semi di chia, lino e girasole contengono invece elevate quantità di oli sani ed energia per il tuo fisico.

#2 Carne secca

Il manzo secco (definito Beef Jerky) è uno degli alimenti da sopravvivenza con più secoli sulle spalle. Possiede un elevato contenuto di proteiene, vitamine e sali minerali.
Se non acquistato di bassa qualità e anche un alimento sano e ricco di elementi naturali per il corpo. Nella BOB occupa pochissimo spazio e ha un ottimo sapore. Su carneseccaitalia.it (non è sponsor di questo articolo), puoi trovare un’ampia selezione di prodotti.

#3 Noodles, purea istantanea o cous cous

Non sottovalutare mai il potere del cibo caldo su uno stato d’animo compromesso. Se hai modo di cucinare (un’ottima soluzione portatile è il JetBoil, 200gr) e sul tuo tragitto pensi di non avere problemi di acqua, puoi pensare anche a della purea di patate istantanea o dei noodles. Sono leggerissimi da trasportare, sono ricchi di carboidrati e, per i noodles, la componente salata ti aiuta a recuperare i sali persi.
Se per i noodles serve il tempo necessario all’acqua per bollire, per una purea istantanea ne devi impiegare circa 15.
Il cous cous è un’altra soluzione che puoi tenere in seria considerazione perché cuoce rapidamente, è leggero e può essere imbustato. In più, puoi aggiungerci un dado di carne per renderlo più saporito.

#4 Barrette proteiche

Un altro tipo di cibo indispensabile per una bug out bag è la barretta proteica. È un integratore ad alto valore biologico: contiene almeno 20g di proteine ed è quindi un metodo pratica per integrarle. La confezione monoporzione è facile da infilare nello zaino.

#5 Kit di bustine

Poiché il peso è minimo, ma l’effetto positivo sull’umore decisamente positivo, inserisci nella tua BOB anche una busta contenente questi cibi in polvere o dado.

In questo articolo dedicato al cibo da bug out bag non abbiamo parlato dell’acqua, ma soltanto perché tutte le informazioni nell’articolo “Bug-out bag: sette errori che dovresti evitare

Leggi anche:
I migliori 5 zaini tattici da bug out bag del 2019
Bug out bag: 7 regole d’oro per la scelta dello zaino
Farmaci indispensabili per una BOB

Total
7
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
ladro usa piede di porco per aprire porta - proteggere casa dai ladri

Come proteggere casa da ladri e saccheggiatori

Articolo successivo
Contaminanti acqua - Guida ai potabilizzatori portatili

Guida ai potabilizzatori portatili: i contaminanti

Articoli correlati
Total
7
Share