fbpx
Quando ti prende la scimmia per il prepping, c'è Portale Sopravvivenza!

Come conservare la farina nelle tue scorte

barattolo di farina rovesciato - come conservare la farina

Hai mai pensato a delle “conserve” di farina? Noi no. O almeno, non fino a quando ne abbiamo sentito parlare e, informandoci e provando, abbiamo visto che effettivamente aveva un senso!

In generale, nelle case di tutti noi italiani la farina è un prodotto utilizzato molto spesso e che non manca mai. Ci sono momenti in cui la usiamo molto spesso, come durante il lockdown (+150% in media durante l’intero periodo) e altri in cui magari la riponiamo sulla mensola e lì ci rimane per un bel po’ di tempo.
Diventa quindi abbastanza complicato capire quanta farina tenere nella propria dispensa, perché la prossima volta che vorrai cucinare qualcosa magari potrebbe non essere più buona. Arriviamo quindi al dunque: come conservare la farina?

(Vuoi ricevere gli articoli di Portale Sopravvivenza in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram.)

Come conservare la farina

La soluzione più semplice sarebbe quella di conservarla in contenitori ermetici che contribuiscano ad aumentare la durata di conservazione. Tuttavia, tali contenitori possono essere ingombranti, soprattutto se hai tanta farina da conservare e quindi devi adoperarne molti.

L’alternativa è quella di utilizzare dei barattoli di vetro, tipo i classici barattoli Bormioli in cui si mettono le conserve. I barattoli hanno il vantaggio di poter essere messi insieme sullo stesso ripiano, uno sopra l’altro e affiancati, ottimizzando così lo spazio a disposizione. Inoltre, se segui la procedura che a breve ti spiegheremo, la tua farina si conserverà fino a 5 anni, a seconda di quanto sia fresco e asciutto lo spazio dove la riporrai.

Un piccolo suggerimento prima di iniziare: che tu voglia o meno mettere la farina nei barattoli, sarebbe bene lasciarla nel congelatore per un po’. Addirittura, potresti utilizzarlo come metodo di conservazione come spiegato alla fine dell’articolo. Portare la farina a temperatura negativa, permette di uccidere eventuali uova di tonchio che possono essere presenti nel macinato già da prima dell’acquisto.

Bene, detto questo possiamo passare al procedimento per creare le tue “conserve” di farina!

Occorrente per la conservazione

L’elenco degli strumenti necessari è molto semplice e, probabilmente, molti di questi potresti già averli in casa:

  • Farina;
  • Vasetti/barattoli e coperchi (noi usiamo i Bormioli, una garanzia di qualità);
  • Imbuto;
  • Carta assorbente o panno pulito per pulire i bordi del barattolo;
  • Guanti da forno o asciugamano;
  • Indelebile per datare i barattoli o etichette.

La dimensione dei barattoli deve essere proporzionata alle tue esigenze, ovviamente: se hai molta farina da conservare, barattoli più grandi sarebbero meglio. Al contrario, se ne hai poca, non ne sei un grande utilizzatore o preferisci usarne poca per volta, allora dei vasetti più piccoli andranno benissimo.

Procedimento per conservare la farina in forno

Come potrai notare, il processo è semplicissimo! Prima di iniziare, assicurati di sterilizzare i vasetti e i coperchi. Asciugali accuratamente prima di aggiungere la farina. Una minima presenza di umidità all’interno dei barattoli o dei coperchi potrebbe compromettere il lotto che stai preparando.

Preriscalda il forno a 100°C.

Aiutandoti con l’imbuto, riempi ogni barattolo fino all’orlo. Scuoti di tanto in tanto i barattoli così da riempire tutti gli spazi e metterci più farina possibile.

A questo punto, metti i vasetti che hai appena riempito su una teglia o in una padella così che nel forno siano più stabili e non si ribaltino. Quindi mettili in forno SENZA i coperchi e lasciali per circa 90-120 minuti.

Finito il tempo, rimuovi delicatamente ogni barattolo dal forno aiutandoti con dei guanti, uno alla volta. Con un tovagliolo di carta o della carta assorbente, pulisci il bordo di ogni barattolo da eventuale farina presente: è indispensabile che non ci siano residui così da non pregiudicare la sigillatura dei coperchi. Una volta pulito, metti i coperchi e stringili forte.

Ora, prendi i tuoi barattoli di farina e mettili fuori sul balcone o dove ti viene più comodo così da farli raffreddare completamente e permettere ai coperchi di chiudersi ermeticamente. Una volta raffreddati, puoi anche utilizzare un pennarello indelebile o delle etichette per annotare la data in cui hai preparato il vasetto. Questo ti permetterà di capire quando si sta avvicinando la data di scadenza delle tue conserve di farina.

Ricordati di riporli in un luogo fresco, asciutto e lontano da fonti di luce e calore!

Conservare la farina in freezer

Come anticipato prima, un passaggio fondamentale per uccidere eventuali uova di insetto consiste nell’abbattere a temperatura negativa la farina. Una volta abbattuta è possibile conservarla in freezer, magari in appositi contenitori o buste ermetiche, fino a 2 anni.

Che tu voglia conservare la farina usando il metodo “a caldo” oppure quello “a freddo”, ora sai come fare. Avrai così a disposizione tutta la farina che vuoi, senza più il rischio di trovarti senza nel momento del bisogno.

Total
12
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
SHTF TEOTWAWKI - Cose da non buttare - Prepping

15 cose da non buttare in vista di uno scenario SHTF

Articolo successivo

Energia d’emergenza: le miracolose batterie 18650 e i loro utilizzi

Total
12
Share