fbpx
Quando ti prende la scimmia per il prepping, c'è Portale Sopravvivenza!

Come fare scorte di pesto di basilico

Ricetta pesto di basilico in freezer

Quest’anno, dopo diversi anni di miseri fallimenti sono riuscito a ottenere delle belle piante di basilico, profumate e rigogliose. Grazie al giusto mix di esposizione al sole, una corretta irrigazione e con il beneplacito degli insetti che abitano il mio orto, ho raccolto – in diverse tranches – quasi 4kg di foglie di basilico.

Cosa farne? Da fissato per le scorte quale sono, sicuramente trasformare parte di questo concentrato di aromi e gusto sotto forma di pesto di basilico per goderne anche nella stagione autunnale e invernale. (Leggi anche: Scorte di cibo: perché farle (prima))

Prima che orde di genovesi mi bussino alla porta per reclamare la mia testa su una picca, ci tengo a sottolineare che questa ricetta tratta il pesto di basilico e non “alla genovese”. Secondo la ricetta tradizionale il tutto dovrebbe esser fatto espresso – quindi preparato e consumato fresco – dopo un’intensa lavorazione a mortaio, con ingredienti e dosi specifiche.

Per le nostre finalità, tuttavia, dobbiamo scendere a compromessi, sia per le mie preferenze gastronomiche, sia per disponibilità delle materie prime, pertanto gli ingredienti si discosteranno leggermente dalla ricetta originale e mi avvarrò di frullatore a immersione e stampi in silicone per la surgelamento del pesto.

(Vuoi ricevere gli articoli di Portale Sopravvivenza in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram)

Ingredienti per pesto

Utensili per pesto

  • Minipimer o frullatore;
  • Bicchiere o recipiente nel quale frullare;
  • Ampio contenitore nel quale inserire il bicchiere;
  • Canovaccio;
  • Stampo in silicone.

Procedimento

Per prima cosa, immergete in abbondante acqua fredda tutte le foglie di basilico. Aggiungete un bel cucchiaio di bicarbonato affinché vengano rimosse impurità o sostanze indesiderate che si sono depositate sulle foglie. Lavate delicatamente le foglie. Molto delicatamente.

Tamponate le foglie con un canovaccio e lasciatele asciugare a temperatura ambiente.

Il basilico è estremamente delicato e suscettibile alla frizione e al calore. Pertanto, se frizionato con troppo vigore o esposto alla luce intensa del sole tende ad annerirsi. Non ne compromette il risultato in termini organolettici, ma anche l’occhio vuole la sua parte.

Preparate in alcune ciotole i pinoli, il mix di formaggi, l’aglio per chi lo desidera e il sale.

Inserite tutte le foglie di basilico all’interno recipiente nel quale andrete a frullare con il minipimer. Ponete il bicchiere all’interno dell’ampio contenitore, precedentemente riempito d’acqua e ghiaccio. Il freddo permetterà di abbassare la temperatura del basilico, evitando o comunque rallentando il processo di ossidazione. Il risultato sarà un bel pesto verde intenso.

Aggiungete tutti gli ingredienti e iniziate a frullare, aggiungendo in seguito l’olio a filo fino ad ottenere una crema liscia, uniforme e morbida.

A questo punto, riempite lo stampo in silicone con il pesto di basilico (io ho usato questo comodissimo set Zounich acquistato su Amazon) e ponetelo in freezer fino a che non si sia ben compattato. Rimuovete i vari bussolotti di pesto e riponeteli in una busta con zip per la conservazione degli alimenti in freezer.

Il pesto congelato – quindi sottoposto a temperature negative ma superiori a -18°C – può essere conservato per 2-3 mesi dopo la produzione.

Il pesto di basilico surgelato – quindi sottoposto a temperature inferiori a -18°C – invece può essere consumato 15 ai 18 mesi dopo la produzione anche se, come riportato dal sito Unione Nazionale Alimenti Surgelati, se conservato a tale temperatura, gli alimenti non hanno scadenza.

Foto di monicore da Pexels

Total
4
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente

Bugging out: quando applicare il tuo piano di evacuazione

Articolo successivo
vasetti di miele sopra ad un ripiano - benefici del miele

Miele: benefici e conservazione

Total
4
Share