fbpx
Quando ti prende la scimmia per il prepping, c'è Portale Sopravvivenza!

Doppio flare solare di classe X: blackout per Wind, Infostrada e Fastweb

Riportiamo integralmente l’articolo pubblicato pochi minuti fa su centrometeoitaliano.it. A voi le opportune considerazioni.

Potrebbero essere le tempeste solari delle ultime ore la causa del blackout di internet e telefoni cellulari in tutta Italia. Da alcune ore l’accesso a diversi siti internet risulta impossibile e anche l’invio di sms o il tentativo di effettuare una telefonata non va a buon fine. Diversi provider come Libero, Infostrada, Fastweb, hanno segnalato problemi diffusi e la causa sarebbe da ricercarsi al doppio flare solare di classe X che si è verificato nei giorni scorsi che ha di fatto risvegliato l‘attività solare, provocando una forte onda d’urto che proprio in queste ore ha raggiunto la Terra provocando numerosi disagi non solo in Italia, ma in gran parte del mondo.

Due giorni fa, un doppio intenso flare solare è stato osservato nelle ultime ore dall’Sdo, il Solar Dynamics Observatory della Nasa. Le due espulsioni di classe X1.5 e 2.2 che sono stati osservati nella regione attiva AR2087 e che per diverse ore, in seguito all’onda di ionizzazione generata dai raggi X e UV, hanno provocato interferenze e alterazioni alle propagazioni delle trasmissioni radio in Europa. Il fenomeno, quasi inaspettato dal momento che gli astronomi stavano monitorando altre due macchie solari, non ha impattato sul campo magnetico terrestre ed è la conferma dell’elevata attività solare di questi ultimi gorni, in netto contrasto con il ciclo molto basso.

Se le prime analisi avevano escluso la possibilità che l’onda d’urto fosse diretta verso il nostro pianeta, ulteriori osservazioni hanno invece confermato che nella mattinata di oggi è stato colpito il campo magnetico terrestre mettendo fuori combattimento per diverse ore satelliti di telefonia mobile e per l’accesso a internet ma anche i sistemi di comunicazione Gps. Da alcune ore infatti sono numerosi i blackout segnalati da diverse città italiane, conseguenza dei brillamenti solari che si sono verificati recentemente, tra i più intensi degli ultimi dieci anni. Il rischio dei flare solari e dell’espulsione di massa coronale sono proprio i blackout che in alcuni casi possono durare anche settimane o addirittura mesi, in seguito al malfunzionamento di satelliti per le comunicazioni. Fortunatamente in questo caso l’onda d’urto ha colpito marginalmente la Terra e i danni dovrebbero essere di lieve entità.

(Vuoi ricevere gli articoli di Portale Sopravvivenza in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram)

fonte: http://www.centrometeoitaliano.it/

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente

Imparare a riconoscere le tracce [#1]

Articolo successivo

Imparare a riconoscere le tracce [#2]

Total
0
Share