fbpx
Quando ti prende la scimmia per il prepping, c'è Portale Sopravvivenza!

Guida ai potabilizzatori portatili: come funzionano e tipologie

tipologie di filtri portatili

Eccoci a parlarti di nuovo di potabilizzatori portatili. Nel primo appuntamento della serie (Vedi Guida ai potabilizzatori portatili: i contaminanti) ti abbiamo parlato di quali possono essere i principali contaminanti che possono trovarsi dentro l’acqua. Oggi, invece, ti spieghiamo come funzionano i filtri e quali tipi di filtri per l’acqua esistono. La nostra fonte rimane l’articolo scritto da Wideners.com.

Come sempre, ti invitiamo a seguire il nostro canale Telegram. In questo modo potrai ricevere in anteprima tutti i nostri articoli, compreso il prossimo sui risultati dei test condotti dal team di Wideners.com su ben 17 potabilizzatori portatili in commercio.

Come funzionano i filtri per l’acqua? 

I filtri dell’acqua utilizzano microscopici pori per catturare contaminanti come batteri e protozoi, nonché altri detriti / sedimenti. Alcuni filtri usano carbone attivo per ridurre i gusti sgradevoli e ridurre altri contaminanti come pesticidi e prodotti chimici industriali.

I pori che catturano i contaminanti vengono misurati in unità chiamate micron. Un micron, che è l’abbreviazione di micrometro, è un milionesimo di metro (1 / 1.000.000 di metri). Vedrai spesso pubblicità che menziona quanti micron cattura un filtro dell’acqua. Questo può essere un aspetto importante per determinare il filtro di cui hai bisogno.

  • 1 pollice = 25.400 micron
  • Larghezza di un singolo capello = 75 micron
  • Globulo rosso umano = 5 micron
  • Protozoi / Cisti = da 2 a 50 micron
  • Batteri = da 1 a 10 micron di lunghezza e da 0,2 a 1 micron di larghezza
  • Virus = da 0,004 a 0,1 micron

Esiste una differenza tra “dimensione assoluta dei pori” e “dimensione nominale dei pori”. Un filtro che afferma “dimensione nominale dei pori di X micron” può ancora far passare dal 20% al 30% delle particelle di dimensioni dei pori. Un filtro che afferma ” dimensioni dei pori di X micron assoluti ” funziona in modo più coerente. Nel test che riporteremo nel prossimo articolo, vedremo quanti filtri rispettano quanto riportato nell’elenco delle loro caratteristiche tecniche.

Cos’è la filtrazione a membrana e come funziona?

La filtrazione a membrana consiste nell’uso di un sottile strato di materiale semi-permeabile (la membrana) per rimuovere batteri, microrganismi, particelle e materiale organico naturale quando viene spinto dall’acqua.

Micro-filtrazione, ultra-filtrazione, nano-filtrazione e osmosi inversa sono i processi di filtrazione su membrana spiegati di seguito.

  • Micro-filtrazione. Da 0,5 a 5 micron. Efficace nell’eliminazione dei batteri; può essere una buona fase di pretrattamento prima dell’ultrafiltrazione, della nanofitrazione o dell’osmosi inversa perché riduce la possibilità di incrostazioni in tali passaggi.
  • Ultra-filtrazione. Da 0,005 a 0,5 micron. Pretrattamento efficace per nano-filtrazione o osmosi inversa.
  • Nano-filtrazione. Da 0,0007 a 0,005 micron. La nano-filtrazione richiede molta più pressione a causa delle dimensioni dei pori inferiori e può sporcare più rapidamente.
  • Osmosi inversa. Tipicamente .0001 micron, secondo il CDC. Nell’osmosi inversa, la pressione viene utilizzata per contrastare la pressione osmotica. Questo spinge l’acqua attraverso una membrana, rimuovendo ioni, sale e altre particelle.
    Questo tipo di filtrazione rimane anche uno dei pochi metodi efficaci per purificare l’acqua da sostanze radioattive, come le particelle di iodio radiattivo che si disperdono nell’ambiente dopo un disastro nucleare. Queste particelle possono finire anche nelle fonti idriche di superficie, come torrenti, fiumi, laghi, mari, ecc. comprese quelle potabili. E bere acqua contaminata non è sicuramente un toccasana per la tua salute!

Sai di cosa è fatto il tuo filtro?

Esistono diversi materiali che compongono i filtri dell’acqua più comuni. Le membrane filtranti sono costituite da:

  • Fibra cava;
  • Lana di vetro;
  • Materiale ceramico;
  • Acciaio inossidabile;
  • Polimero sintetico;
  • Pre-filtro: accessorio utilizzato per rimuovere particelle di grandi dimensioni prima che raggiungano il filtro;
  • Carbone attivo: il carbone attivo viene utilizzato per assorbire composti organici naturali, composti del gusto e degli odori e sostanze chimiche organiche sintetiche. Il carbone attivo granulare e il carbone attivo in polvere sono i due principali tipi di filtri utilizzati. Sono materiali altamente porosi che forniscono ampie superfici per assorbire i contaminanti. I filtri al carbone non sono progettati per rimuovere tutti gli organismi patogeni. Tuttavia, migliorano efficacemente il gusto e possono ridurre il piombo. Il carbone attivo è comunemente usato insieme ad altri tipi di filtrazione.
    Carbone, gusci di cocco, torba e residui di petrolio sono tutte fonti di carbone attivo. Poiché il carbone attivo al cocco ha prevalentemente pori nella gamma dei micro pori (<4 nm), ha una struttura stretta e una buona resistenza meccanica ed è una fonte rinnovabile di carbonio, non è raro vederlo usato nei filtri per l’acqua.
  • Mezzi di assorbimento: costituiti da elementi che hanno una reazione chimica con i contaminanti nell’acqua. L’elemento crea un’attrazione con il contaminante che si attacca ai media anziché passarci attraverso. Il materiale adsorbente può perdere rapidamente la sua capacità di attrarre contaminanti con un uso elevato.

Tipi di filtri per acqua portatili

Filtri a cannuccia

Come dice il nome, questo filtro ha la forma di una cannuccia. Questo filtro utilizza l’aspirazione dell’utente per spostare l’acqua attraverso il filtro integrale.

Pro: il trattamento dell’acqua è facile e veloce; di solito leggero e facile da trasportare in uno zaino o in una borsa.
Contro: inefficiente per più di una persona. La raccolta da una fonte d’acqua può essere difficile. L’acqua filtrata è disponibile solo alla fonte.

Filtro per bottiglia

Un filtro per bottiglia può essere un semplice filtro a cannuccia (o anche di altra tipologia) integrato all’interno di una bottiglia. Queste tipologie sono abbastanza comuni e possono essere anche abbastanza  efficaci.

Pro: il trattamento dell’acqua è semplice e veloce. Puoi raccogliere e conservare l’acqua da utilizzare in seguito.
Contro: la quantità di acqua è limitata alle dimensioni della bottiglia.

Filtro a pompa

Il soggetto aziona una pompa, spesso manuale, che forza l’acqua (di solito direttamente dalla fonte d’acqua attraverso un piccolo tubo) attraverso il filtro e nel contenitore / serbatoio scelto.

Pro: facile da raccogliere acqua da fonti poco profonde con l’uso di un tubo; l’utente ha il controllo preciso su quanta acqua viene filtrata.
Contro: può essere più voluminoso e più pesante di altre opzioni; richiede il massimo sforzo fisico.

Filtri a gravità

Una sacca contenente acqua non filtrata viene posizionata sopra il filtro; l’acqua scorre attraverso il filtro grazie alla forza di gravità. L’acqua pulita e filtrata scorre in un altro contenitore.

Pro: richiede meno lavoro rispetto ad altri processi di filtrazione; efficiente per un gruppo di persone.
Contro: raccogliere acqua da fonti poco profonde può essere difficile. Il trattamento è più lento di altri metodi. Richiede un punto elevato per appendere il serbatoio.

Filtri lineari

I filtri lineari hanno spesso la forma di una cannuccia, ma possono essere utilizzati in vari modi: come una cannuccia, avvitata sulla sommità di una bottiglia o fissata a una sacca da utilizzare come gravità o da infilare. In genere, i loro punti di ingresso e uscita hanno punti di attacco che possono accettare tubi su entrambe le estremità.

Pro: è possibile utilizzare questo filtro come filtro a cannuccia, a gravità o a compressione. È il più versatile dei tipi di prodotto nel test del filtro dell’acqua che vedremo nel prossimo appuntamento.
Contro:  sei limitato alla quantità di acqua nel serbatoio o nella bottiglia che usi.

Esistono anche altri metodi di depurazione dell’acqua, come la distillazione e la bollitura. Se ti interessa approfondire, leggi l’articolo “Acqua: tutti i metodi di potabilizzazione“.

Nel prossimo articolo riporteremo i test effettuati da Wideners sui più noti potabilizzatori portatili in commercio. Quali manterranno davvero le promesse della scheda prodotto? Seguici su Telegram per non perderti gli aggiornamenti.

Total
6
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente

Contenitori per trasportare l'acqua: come sceglierli

Articolo successivo
Come capire se le uova sono commestibili - Portale Sopravvivenza

Come capire se le uova sono commestibili

Articoli correlati
Total
6
Share