fbpx
Quando ti prende la scimmia per il prepping, c'è Portale Sopravvivenza!

L’indispensabile per il Primo Soccorso

Aggiornamento: 5 Aprile 2019

Possedere alcune nozioni base di pronto soccorso è indispensabile per garantire l’incolumità propria e altrui. In questo articolo, ci soffermeremo su cosa inserire all’interno di un kit di pronto soccorso e andremo a illustrare cos’è necessario inserire nel proprio zaino.

(Vuoi ricevere gli articoli di Portale Sopravvivenza in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram)

Non improvvisarti soccorritore

Come già detto, partiamo dal presupposto che il pronto soccorso e un minimo di nozioni base siano indispensabili per garantire la propria e l’altrui incolumità. Se però non hai la capacità di soccorrere qualcuno adeguatamente o se stai ricordando questa fondamentale regola, non improvvisarti!

Portale Sopravvivenza non è lo strumento adatto per illustrarti quali siano le procedure da effettuare, tanto meno, per darti una formazione specialistica. Per questo esistono associazioni, formatori ed enti che possono addestrarvi per eseguire interventi di primo soccorso e anche manovre salvavita.

Detto questo, se ti trovi in Italia come prassi chiama il 112. Illustra con calma e sintesi la situazione. Ti chiederanno immediatamente nome, recapito, dove vi trovi e cosa è accaduto. Non farti prendere dal panico o dall’angoscia, rispondi ed illustra esattamente ciò che ti chiedono. Spiega che non sei in grado di soccorrere la persona o te stesso. La maggior parte delle volte, sarà l’operatore stesso a darti tutte le informazioni e, ove possibile, ti guiderà nelle manovre da eseguire al fine di stabilizzare la situazione.
Fare di testa propria in questi casi porta esclusivamente ad aggravare la situazione,  sia per il panico, per mosse azzardate o manovre non corrette. Nel caso tu non sappia cosa fare, evita di muovere la persona, potresti peggiorare la situazione!

Cosa inserire in un kit di primo soccorso

Per creare un piccolo kit di primo soccorso da inserire in un EDC (everyday carry) da borsa o da portafogli, basta mettere poche cose che devono essere scelte in base alle vostre competenze e le possibili situazioni nel quale vi potrete trovare. Per il tuo EDC può essere sufficiente inserire in una bustina di plastica tipo ziplock (quelle usate per la viteria, di piccole dimensioni). Questo micro firts-aid kit da portafogli occupa circa 5 cm x 3 cm x 5 mm ed è composto da:

  • 2 cerotti;
  • 1 salvietta disinfettante;
  • 2 aspirine o altri medicinali da banco;
  • 1 quadretto di benda o garza.

Oggetti di primo soccorso per il Survival Kit

In un Survival kit, invece, puoi essere meno essenziale dato che si ipotizza che questo kit sia trasportato in uno zaino 12h o similare. In questo caso potresti adottare anche kit di pronto soccorso preconfezionato ma l’indispensabile è:

Se preferisci avere una soluzione standard già pronta da integrare solo con la piccola farmacia ti consiglio questi due kit disponibili su Amazon.it:

Nel kit di pronto soccorso la “piccola farmacia” è facoltativa ma va da se che è meglio averla. Nel particolare, si intende l’inserimento di ciascun elemento elencato in quantità pari a 1 o 2 capsule per farmaco. In una BOB invece ci si può sbizzarrire ancora di più espandendo a strumenti di intervento, di tipo chirurgico o immobilizzazione ed aumentare la quantità di farmaci e materiali oltre che di consumabili dell’intero del kit di pronto soccorso.

Alcuni consigli extra

In conclusione, alcuni consigli “extra” per la costruzione del tuo kit:

  • Inserisci solo farmaci e strumenti che conosci e sai utilizzare;
  • Controlla frequentemente la scadenza di farmaci e sterilità di strumenti e bende;
  • Inserisci sul tuo veicolo un kit di pronto soccorso essenziale (Leggi anche: “Kit d’emergenza per la nostra auto“);
  • Inserisci un foglio con istruzioni e memo di pronto soccorso oltre che ai classici numeri internazionali di emergenza;
  • Rendeti visibile tramite adesivo o patch il tuo gruppo sanguigno;
  • Memorizza sul tuo telefono i 3 numeri dei vostri familiari più vicini e preparati sotto la voce I.C.E. , I.C.E.2, I.C.E.3 (in case of emergency). Questo accorgimento serve ai soccorritori in caso di perdita di coscienza per avvisare i vostri familiari.

Potresti essere interessato a leggere l’articolo sulla Coperta Isotermica: cos’è e perché bisognerebbe portarla sempre con se.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Tracking Mapping e Geomapping - Prepping e survivalism

Tracking, Mapping, Geomapping - Parte 2

Articolo successivo

Torcia tattica Walther SLS 100

Total
0
Share