fbpx
Quando ti prende la scimmia per il prepping, c'è Portale Sopravvivenza!

Paracord: la guida all’uso definitiva

Paracord - Guida all'uso

Ultimamente, si sente spesso parlare di Paracord, ma sai esattamente che cos’è e come usarlo?

Dopo l’82esima missione Shuttle, in cui gli astronauti lo hanno usato per riparare il telescopio Hubble, il paracord ha acquisito visibilità ed è presto entrato in molti kit di sopravvivenza ed emergenza di tutto il mondo.
Il paracord (o Parachute-cord) è una vera e propria corda di paracadute di derivazione militare: un semplice cordino di nylon con all’interno altri sette cordini sempre in nylon a loro volta costituiti da altri 7 fili di nylon per un diametro di circa 4mm per il Paracord di tipo 3 (ad uso civile).

(Vuoi ricevere gli articoli di Portale Sopravvivenza in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram)

Le potenzialità del paracord

Per cominciare, il paracord non si spezza fino a 250kg di peso, il che lo rende quasi una corda da scalata nonostante le dimensioni ed il peso ridottissimo. Molti lo utilizzano unicamente per creare Survival Bracelet, e molti di più pensano che questi siano solo oggetti ornamentali.

Tornando alle potenzialità, la funzione del paracord va ben oltre l’aspetto ornamentale. Ha molti utilizzi sia convenzionali che non, come ad esempio:

  • Può sostituire lacci e stringhe;
  • I fili interni possono essere usati per pescare;
  • I fili interni a matassa sono ottime esche per il fuoco;
  • Puoi usarlo per creare rifugi in quanto tende a non marcire;
  • Puoi impiegarlo come fune per vele e ovviamente come lacci da paracadute;
  • I fili interni si possono usare per ricucire indumenti;
  • Filo interdentale (lo so… ma nel manuale militare è scritto così)
  • Sciolto può tappare falle nei contenitori dell’acqua;

E molto altro ancora…

Ad ogni modo il braccialetto, o anche solo 7 metri di Paracord, sono un top item da tenere sempre nei tuoi kit d’emergenza e nella tua bug out bag. Leggi anche: “Come costruire una bug-out bag da 72h

Paracord: che cosa acquistare

Il paracord migliore e più resistente è quello ad uso militare (categoria 4) ma non è sempre reperibile. Oggi che scriviamo, la maggior parte dei modelli su Amazon è esaurita.
Rispetto ad una categoria 3 (utilizzo civile), è composto dai 7 ai 9 filamenti, ognuno dei quali ha un colore diverso dagli altri. Ogni filamento è costituito a sua volta da altri 3 filamenti di nylon. Sostiene fino a 340 kg e la puoi cercare online con questa sigla: C-5040H.

Uno dei migliori paracord disponibili ad uso civile, più facilmente reperibile, è il Paracord 550, dove il numero sta ad indicare le libbre che riesce a sostenere prima di spezzarsi. In questo caso, 225 kg.
Una buona soluzione è quella del braccialetto: è comodo e leggero da portare e non lo perderai nello zaino. Cerca di non acquistare modelli provenienti dalla Cina: spesso il paracord è di scarsa qualità e la fibbia in plastica invece che in metallo. Cerca invece di ridurre le possibilità di romperla.
Una marca che abbiamo provato personalmente è la Friendly Swede con paracord 550. Scegli bene la misura sulla base del tuo polso o rischierai di perderlo alla prima uscita: misura S (15-18cm), M (18-20cm), etc… È dotato di regolazione ma assicurati che la parte in eccesso non sia troppa o potrebbe darti fastidio.

Paracord: altri consigli utili

Se devi stoccare paracord nella tua BOB o nel tuo kit d’emergenza, la lunghezza consigliata è di 7-8 metri.
Se devi valutare il prezzo del paracord, un buon tipo 3 non dovrebbe costare meno di 8€ per 30 metri, che è la metratura standard.
Ti consigliamo la marca Ganzoo se devi creare la tua piccola scorta.

Se vuoi conservarlo intonso per almeno 25 anni, passa della cera d’api su tutta la lunghezza desiderata. Protegge dagli agenti atmosferici e mantiene la corda in forma.

Un ultimo consiglio. Puoi utilizzare il paracord di diversi colori per segnalare le zip e le tasche del tuo zaino in modo da riconoscere tramite colore cosa contiene la tasca. Questa tecnica è definita fast recognize e ne abbiamo parlato anche in “Organizzare lo zaino: fast recognize“.

Prima stesura: novembre 2014. Revisione: 24 aprile 2020

Total
45
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente
ragazza di spalle che guarda fuori dalla finestra

Coronavirus: cosa ci aspetta dopo la quarantena?

Articolo successivo
strada completamente al buio durante blackout

Blackout: 10 consigli utili per sopravvivere senza elettricità

Total
45
Share