“Siate pronti per la guerra”: la Svezia distribuisce la sua guida a 5 milioni di cittadini.

“Siate pronti per la guerra”: la Svezia distribuisce la sua guida a 5 milioni di cittadini.

“Siate pronti per la guerra”: la Svezia distribuisce la sua guida a 5 milioni di cittadini. 1200 800 Alessandro

Il governo svedese ha iniziato a inviare a tutte le 4,8 milioni di famiglie del Paese un opuscolo per informare la popolazione, per la prima volta in oltre mezzo secolo, su che cosa fare in caso di guerra.

“Siate pronti per la guerra!”

L’opuscolo che recita “Om krisen eller kriget kommer” (se arriva la crisi o la guerra) spiega alle persone come possono provvedere ai bisogni di base come cibo, acqua e riscaldamento, quali sono i segnali di allarme, dove trovare rifugi antiatomici e come contribuire alla “difesa totale” della Svezia.

Sono sufficienti venti pagine, opportunamente illustrate con immagini di sirene, aerei da guerra e famiglie in fuga dalle loro case, per informare la popolazione sui pericoli dell’era contemporanea come, per esempio, attacchi informatici, attacchi terroristici e cambiamenti climatici. L’opuscolo include persino una pagina sull’identificazione di notizie false (che, in effetti, non è un pericolo da sottovalutare).

Forse ti può interessare l’articolo: Cosa fare in caso di sparatoria

“Sebbene la Svezia sia più sicura di molti altri paesi, ci sono ancora minacce per la nostra sicurezza e indipendenza”, afferma l’opuscolo. “Se sei preparato, contribuisci a migliorare la capacità del paese di far fronte a una grave pressione”.

L’ultimo episodio di una distribuzione di questo tipo risale alla Svezia del 1943, dove per la prima volta, al culmine della seconda guerra mondiale furono distribuiti questi depliant. Distribuzione che proseguì pubblicamente e regolarmente fino al 1961, successivamente limitata ai funzionari governativi locali e nazionali fino al 1991.

“La società è vulnerabile, quindi abbiamo bisogno di prepararci come individui”, ha detto Dan Eliasson responsabile del progetto e membro dell’agenzia svedese per la protezione civile.

Perché la Svezia si prepara alla guerra?

La pubblicazione arriva quando il dibattito sulla sicurezza – e la possibilità di unirsi alla NATO – si è intensificato in Svezia a seguito dell’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014 e delle recenti incursioni nello spazio aereo e nelle acque territoriali svedesi da aerei e sottomarini russi.

Il paese ha cominciato a invertire la tendenza a tagliare le spese militari e l’anno scorso ha organizzato le più grandi esercitazioni militari da 25 anni a questa parte. Inoltre, ho reintrodotto il servizio di leva e ha svelato i piani congiunti con la Danimarca per contrastare gli attacchi informatici e la disinformazione russi.

Il contenuto della guida

Il volantino consiglia alle persone di pensare a come affrontare il problema comuni, quale la mancanza di riscaldamento, la scarsa reperibilità di cibo, istruzioni su come preparare e immagazzinare, la mancanza di acqua o di servizi igienici, bancomat non funzionanti, telefoni cellulari e Internet inutilizzabili.

Forse ti può interessare l’articolo: Recensione razione d’emergenza NRG-5

Altro aspetto interessante del volantino è il consiglio a verificare la fonte di tutte le informazioni, poiché “stati e organizzazioni stanno già cercando di influenzare i nostri valori e il modo in cui agiamo … e riduciamo la nostra capacità di recupero e volontà di difenderci”.

Una pagina dettagliata di “consigli per la preparazione a casa” consiglia alla popolazione di fare scorta di bottiglie d’acqua, indumenti caldi, sacchi a pelo e “cibo non deperibile che può essere preparato rapidamente, richiede poca acqua o può essere mangiato senza preparazione”.

In caso di conflitto armato, dice “tutti sono obbligati a contribuire e tutti sono necessari” per la “difesa totale” della Svezia: chiunque tra 16 e 70 “può essere chiamato ad assistere in caso di minaccia di guerra e guerra” .

Da più di 200 anni, la Svezia non è entrata in guerra con un altro paese, tuttavia, se viene attaccata, il volantino dice “non ci arrenderemo mai!”

Fonte: The Guardian

 

Scarica la guida “If Crisis or War Comes” della protezione civile svedese.