Unboxing Minipresso

Unboxing Minipresso

Unboxing Minipresso 600 314 Alessandro

Ogni buon italiano conosce perfettamente l’importanza del rito quotidiano del caffè. Tuttavia, non sempre abbiamo la possibilità di fermarci per perpetrare questo rito. Con questo gadget, il Minipresso – A portable espresso machine prodotto dalla Wacaco, una StartUp di Honk Kong, non rinuncerete più al piacere di un buon caffè.

Cos’è il Minipresso

Il Minipresso non è un thermos, bensì è un vero e proprio sistema che permette di fare l’espresso dovunque e in qualsiasi momento, senza elettricità o batterie.

Il Minipresso GR funziona con qualsiasi tipo di caffè macinato, mentre esistono delle versioni alternative che permettono di usare le capsule Caffitaly (Minipresso CA)  o le più famose capsule Nespresso (Minipresso NS). Fino a qualche tempo fa era in commercio anche la versione per cialde, ma negli ultimi tempi è stata dichiarata fuori produzione.

Caratteristiche del Minipresso

Il Minipresso si presenta come un cilindro composto da PBT, PP e acciaio inox: tutti con gli opportuni certificati per la sicurezza alimentare. Il tutto appare molto resistente e dalle dimensioni compatte (17,5 x 7 x 6 cm). Il peso di 360 grammi lo rende perfetto per essere trasportato, anche se in un trekking o un’escursione di più giorni potrebbe rappresentare un peso un po’ eccessivo.

Il Minipresso è composto da sei componenti, che si assemblano come una Matrioska: è presente il serbatoio per l’acqua calda da 70ml, un misurino per il caffè con una capienza di 7 grammi, il sistema a pistone, il filtro del caffè, la “bocca” dalla quale uscirà la bevanda e la tazza integrata.

Il sistema a pistone è in grado di generare 116 psi, che sulla carta è la stessa pressione che si ha nelle macchine del caffè tradizionali. Tuttavia, la pressione generata è leggermente inferiore di quella dichiarata, ma del tutto tollerabile.

Come funziona il Minipresso

L’uso è molto semplice anche se è necessario disporre di acqua calda. In caso contrario, è possibile usare dell’acqua fredda ma, ovviamente, anche l’espresso risulterà freddo e gli aromi saranno meno intensi.

Per fare il caffè, bisogna smontare l’intero dispositivo, svitando tutte le parti. In seguito, si riempie il serbatoio d’acqua fino al livello segnato e immediatamente si avvita il blocco centrare con il pistone, onde evitare che l’acqua bollente si rovesci. Si procede riempiendo il filtro del caffè con la dose consigliata e la si incastra sulla “bocca” del dispositivo. Si avvita il tutto e una volta sbloccato il pistone, si inizia a premere per mandare in pressione il sistema.
Dopo una decina di pressioni, inizierà a fuoriuscire l’espresso. I produttori consigliano 13 pressioni per un espresso ristretto mentre ne servono 18 per un espresso normale. La cosa migliore è trovare il giusto compromesso con il proprio palato.

Unboxing del Minipresso GR

Per le conclusioni finali, vi rimandiamo al video dell’unboxing. Buona visione.