fbpx
Quando ti prende la scimmia per il prepping, c'è Portale Sopravvivenza!

Urban E.D.C. parte 3: il Contenitore

Ben ritrovati!
Nei precedenti articolo abbiamo visto come assemblare un E.D.C. kit, come deve essere e che criteri dovrebbe rispettare. Oggi, invece, vedremo dove racchiuderlo e la scelta del contenitore.

Come qualsiasi “insieme di cose” anche l’ E.D.C. kit richiede un contenitore che li racchiuda. Come già anticipato, un E.D.C. kit deve essere più compatto possibile, ma date le numerose alternative, vedremo i pro e i contro di alcune tipologie più comuni. Iniziamo con la prima…

(Vuoi ricevere gli articoli di Portale Sopravvivenza in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram).

La scelta del contenitore: rigido o morbido?

I pro dei contenitore rigido è sicuramente la maggior resistenza e nel caso del metallo sarebbe anche utilizzabile per cucinare o far bollire piccole quantità d’acqua.
I contro sono l’assenza di adattamento in quanto indeformabile e l’eccessiva instabilità degli oggetti all’interno poiché, se non fissati, sbatacchieranno. Problema apparentemente banale ma che non deve essere sottovalutato;

I pro del contenitore morbido sono l’adattamento e l’elasticità del contenitore oltre al fatto che si ha a disposizione sempre del filo (scucendo il contenitore), oppure un esca per il fuoco sempre utilizzando la stessa tecnica.
contro sono la maggior propensione all’usura dei tessili e in alcuni casi la permeabilità all’acqua.

Contenitore ermetico o permeabile

Sembra palese la risposta ma non è così.
Contro: un contenitore ermetico in caso di panico o shock è più difficile da aprire rispetto uno non ermetico (zip o ziplock). A sostegno di questo, in molti kit militari la zip ha un contrassegno rosso molto grande per l’apertura a strappo “antipanico”.
Pro: il contenitore ermetico, invece, preserva dall’umidità e dall’usura gli oggetti contenuti. Per aumentarne la “durata” degli oggetti si arriva anche a imballare sottovuoto gli EDC kit, ma questi ultimi non sono progettati per l’uso in stato di panico o shock.

Peso ed ancoraggi del kit

I contenitori sono svariati ed hanno gli attacchi più disparati come il sistema A.L.I.C.E. o M.O.L.L.E. di derivazione militare. Esistono anche versioni più semplici come un passante da cintura o nel caso non ne avesse alcuno, sarà sufficiente una semplice busta o un contenitore da borsa/zaino.
In quest’ultimo caso, i kit che non hanno nessun attacco, spesso sono sotto vuoto, compatti, flessibili e vengono cuciti direttamente nelle fodere dei vestiti (quindi lavabili), di borse o zaini e vi si accederà strappando la fodera.

Per quanto riguarda il peso, considerate attentamente che rientri nelle famose “specifiche” dell’articolo precedente (EDC parte 1: il peso) perché in alcuni casi il contenitore in plastica, in metallo o tessile pesa fino a 3/4 del peso massimo raccomandato.  Talvolta, la soluzione meno tattica o “cool” è la migliore, come quella di mettere il tutto in un sacchetto ziplock.

Considerazioni personali

Personalmente, potrei riassumere le tipologie di E.D.C. in base a due situazioni:

– E.D.C. kit antipanico: contenitore tessile con zip (meglio se ykk) e zip contrassegnata con un tag visibile rosso o realizzando una maniglia in paracord. Per questo kit potreste usare una tasca tattica con attacco M.O.L.L.E. facilmente ancorabile esternamente a zaini, borse o alla cintura per averlo sempre a portata di mano.

– E.D.C. kit monouso: contenitore ermetico morbido o rigido di dimensioni contenute. Il contenitore è a perdere o di poco conto (nel caso fosse rigido) ed in ragione di questo sono indicati i sacchetti per sottovuoto con apertura ziplock. In questa eventualità si possono mettere sottovuoto aspirando l’aria con l’apposita macchinetta o l’aspirapolvere e sigillati con scotch (riutilizzabile).

Scegliete molto accuratamente lo scenario nel quale dovrete utilizzare il vostro E.D.C. kit considerando anche le vostre possibili condizioni psicofisiche. Ricordate che il contenitore è uno degli oggetti più importante del kit e farà la differenza nel momento dell’utilizzo e del trasporto.

Vi lascio con un ultimo aneddoto per farvi entrare meglio nell’ottica dell’E.D.C.: alcuni kit da scalata sono incorporati nell’imbragatura stessa e sono utilizzabili ed apribili con una mano sola!
Questa è tattica!

Un saluto da
Fallen Legend.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente

[Top Item] Nastro adesivo

Articolo successivo

Come fare formaggio e ricotta

Total
0
Share